Scenari sul Sebino – Franco Belloni

Ho conosciuto gli Scarani a Milano alla conferenza stampa di presentazione del Rolls Rio, un elegante motoscafo che sarà esposto al Salone di Genova del 1964. Quell’anno, la curiosità mi spinse ad andare, appena entrato al Salone, a vedere questa barca. Fu una sorpresa: era su una piattaforma rotante illuminata da fasci di luce. Uno spettacolo.
Iniziava una mia abitudine. La prima visita al Salone di Genova, quasi un rito, era per la Rio. Questa visita al Salone, fino a qualche anno fa, era facilitata dalla presenza dello stand del cantiere al Palasport sulla strada per andare all’Ufficio stampa ad accreditarmi.

In quelle visite è “passata” la storia della Rio, per non parlare della mia.
Ma quello che ancora oggi più volentieri ricordo sono le prime prove nel lago d’Iseo degli scafi Rio con i famosi idrogetti Piaggio-Berkeley KS 150 e 200.
Con questi “gusci” veloci e guizzanti – ammirate erano le acrobazie del collega Antonio Fulvi – si poteva visitare tutto il lago “penetrando” anche sotto la costa tra i canneti, alla scoperta di luoghi insoliti dopo che ti eri soffermato ad ammirare Montisola e gli isolotti di Loreto e San Paolo.

Vivevi nella sua completezza il Sebino, un lago non grande ma ricco di interessi tanto che la scrittrice inglese Lady Mary Wortley Montagu (Londra 1689-1762), che aveva soggiornato a Lovere negli anni Quaranta del Settecento, lo definì: “il posto più romantico che abbia mai visto in tutta la mia vita”. Poi, dopo queste “navigazioni”, una sosta obbligata, mezzogiorno era passato, in un ristorante a due passi da dove ti imbarcavi per le prove, mi sembra di ricordare che si chiamasse “Cantiere”, dove potevi assaggiare i piatti della cucina tipica locale. Leccornie, come la tinca ripiena al forno e le sardine di lago sott’olio.

Ma indipendentemente da questi ricordi di idrogetti e di emozioni personali, mi era particolarmente piaciuta la campagna promozionale per il lancio del Rio 300 una piccola barca economica, costava
180 mila lire, di tre metri di lunghezza che portava la nautica da diporto alla portata di tutti. Presentata con la consueta conferenza stampa e al Salone del 1974 ma, soprattutto, con l’esposizione nei mesi estivi nella hall di tutta la rete dei Motel Agip
Il marchio Rio è ancora una volta pioniere: inaugura la fortunata serie della comunicazione sinergica.

Franco Belloni
Giornalista e scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *