Il "Rio style" – Aldo Martinetto

Nel tempo in cui molti parlano e pochi fanno, quando pare che l’improvvisazione e l’effimero abbiano il sopravvento sull’esperienza è di somma consolazione assistere alla celebrazione dei cinquanta anni di attività di un’azienda nata familiare e rimasta tale anche nella sua evoluzione tecnologica e dimensionale.
Ho conosciuto il cantiere Rio tanti anni fa, dove una gentile signora era non solo l’aggregante di un’intera famiglia, ma anche l’inflessibile anima dell’impresa. Ancora oggi Lei non ha abdicato al suo ruolo.
Allora il prodotto dell’azienda aveva uno stile che per lungo tempo costituì il suo successo. Anche nel progressivo aggiornamento e nell’aumento delle dimensioni quello stile è rimasto inconfondibile e a cinquant’anni di distanza non si hanno dubbi nell’individuare una barca RIO.

Tanta esperienza maturata attraverso il lavoro e il continuo aggiornamento tecnico sono alla base del duraturo successo.
Il mezzo secolo è un felice traguardo, ma vale anche l’auspicio che le successive generazioni non dovranno deteriorare l’opera.
Il cantiere RIO non è stato il frutto di un’improvvisazione, ma un’iniziativa basata su una solida capacità tecnica, partendo dal poco per arrivare gradualmente al molto: senza presunzioni, con l’impegno nel concreto, senza le effimere manifestazioni che i tempi recenti ci hanno proposto.
Altri analoghi cinquant’anni sono un buon augurio per i cantiere RIO e per la famiglia Scarani.

Aldo Martinetto
Giornalista “pioniere della nautica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *