Tre parole "ad personam" – Marino Alfani

…Rio anch’io…tre parole che probabilmente, anzi sicuramente, descrivono me stesso…me stesso come persona, come professionista, come appassionato, come amico, come parte di una famiglia…

Potrei scrivere centinaia di righe che spiegano cosa e perché mi lega tanto a questo marchio e a queste persone, ma preferisco raccontare in breve la mia storia…

Cè da andare indietro nel tempo a circa vent’anni fa, quando ero solo un bambino con l’amore per il mare e per il disegno…mi ricordo benissimo, come se fosse ieri, quando il sabato pomeriggio mio padre (da sempre cliente e amico della Rio) mi diceva “andiamo alla Rio”…ricordo che quando mi diceva quella frase era una festa…la fretta di arrivare, la classica domanda “quanto manca?quanto manca?” detta ogni cinque minuti, fino a quando non le vedevo….decine e decine di barche…finalmente…correre tra gli stampi, tra i mille pezzi sparsi per i capannoni, salire e scendere dagli scafi in costruzione, con la curiosità che solo un bambino ha e che piano piano diventava sempre più una passione e voglia di fare anzi di disegnare…Da allora la mia vita professionale, i miei studi, tutti gli sforzi andavano nella direzione dello yacht design perché volevo fare quello: il mestiere più bello del mondo, quello che ti permette di creare oggetti in armonia con la natura e con il mare: progettare barche (che per me allora e anche adesso – ma sono di parte – Rio significa sinonimo di barca)… Ora, dopo quasi vent’anni ho la fortuna di condividere con voi e festeggiare il traguardo dei 50 anni…

Mi capita spesso di ripensare a quelle scene. E ricordo a me stesso quanto sono stato fortunato a incontravi vent’anni fa, ad incontrare quelle persone che prima mi hanno “regalato” una passione e poi l’hanno trasformata in professione: quindi non posso fare altro che ringraziarvi…

Grazie per tutto questo e per tutto quello che verrà…Grazie a tutti voi che avete dato forza all’amore di un bambino, che avete creduto in lui e che avete fatto sì che il suo sogno potesse realizzarsi…

Marino Alfani
Yacht & Interior Designer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *